L'EMBLEMA DI HORA  

Lo spettacolare quadrante all'interno di Santa Maria del Fiore, a Firenze, è posto sulla parete a tergo della facciata. Fu affrescato nel 1443 da Paolo Uccello, uno dei massimi pittori della sua epoca. L'opera non teme confronti in fatto di bellezza e nobiltà, ma anche sotto il profilo orologistico è documento di eccezionale importanza per le sue implicazioni e per la sua antichità. .....
  Inizia così l'articolo che il Presidente Giuseppe Brusa scrisse per il primo numero della rivista, LA VOCE DI HORA, dopo che nella prefazione aveva dichiarato:

....... Per parte mia, anche come introduzione generale, ho creduto pertinente occuparmi del soggetto che, su proposta di Antonio Lenner, è stato adottato ad emblema della nostra Associazione. Si tratta di uno dei quadranti più belli e più antichi che si conoscano e una descrizione sommaria delle sue caratteristiche, oggi desuete, non può bastare in una sede qualificata, ove non sia accompagnata dalla spiegazione delle loro motivazioni, che si ritrovano in secoli lontani e che riflettono circostanze diverse. Risalire alle origini mi sembra d'obbligo anche in quanto si collocano in quella civiltà cui siamo particolarmente legati come italiani.

LA VOCE DI HORA . N.1 - DICEMBRE 1995

"Fece nel medesimo tempo e nella medesima chiesa di colorito, la sfera dell'ore sopra alla porta principale dentro la chiesa con quattro teste ne' canti colorite di fresco"
G.VASARI, Vita di Paolo Uccello pittore fiorentino, Firenze,Giunti 1568
   
     
     
 
 
  HOME